e-mail: NAPS110002@istruzione.it    tel: 0818717605

Visite: 141

Il Dipartimento di Lettere del Liceo Severi, da anni, propone attività finalizzate alla promozione al piacere della lettura.

Quest’anno, in quest’ottica,e’nato un progetto, dal titolo “Una città che legge”,che intende coinvolgere gli alunni alla conoscenza del libro e degli autori, al miglioramento delle capacità di comprensione di testi appartenenti ai vari generi letterari e al potenziamento delle capacità espressive e critiche.

All’interno di questo progetto la classe 3 sez.H, dell’indirizzo di Scienze Applicate,guidata dalla docente di Italiano, Tiziana Esposito, ha creato un gruppo pubblico su Facebook,con un collegamento anche su Instagram, Una città che legge, a cui possono accedere lettori e appassionati di libri di ogni età. Nato nel mese di settembre 2019, il gruppo sta avendo una buona visibilità, soprattutto nelle ultime settimane,tanto da arrivare alla cifra di 2000 iscritti,e le richieste di iscrizioni non accennano a fermarsi.

Riassumiamo il funzionamento del gruppo e tutte le attività svolte finora.

Periodicamente,in classe,gli alunni discutono con l’insegnante sul gruppo,sul suo andamento e sulle proposte da pubblicare per il miglior funzionamento dell’iniziativa. Queste discussioni,ovviamente, sono finalizzate alla crescita personale e collettiva del gruppo classe e allo sviluppo di capacità autonome di proporre, argomentare,accettare le idee degli altri, condividere. Le proposte nate in classe vengono poi pubblicate su Facebook, in modo da coinvolgere tutti gli altri partecipanti. Per una più corretta gestione del gruppo,alcuni alunni hanno il ruolo di amministratori e moderatori,insieme alla docente di Italiano e agli altri due insegnanti che collaborano alle attività,la prof.ssa Giovanna Miloso, di Religione, e il prof. Domenico Lusciano, di Inglese.

Gli alunni,nell’ideazione del gruppo, hanno creato delle regole,nate sempre da uno scambio di idee in classe, che tutti i membri possono visionare e sono tenuti a rispettare.

Una delle prime attività e’stata la pubblicazione sul gruppo di un sondaggio sui gusti di lettura,a cui e’seguito, analizzando le risposte ricevute,un grafico che ne rappresentasse gli esiti.

Poi ci sono state le varie attività di "Bookcrossing",incontri organizzati per far si che le persone possano scambiarsi dei libri. Il primo, presso il Circolo della legalità di Castellammare,domenica 13 ottobre 2019, e’ stato, per gli alunni volontari, un'esperienza ricca di emozioni ed e’ servito a far conoscere meglio il progetto ed il gruppo. Altri due si sono tenuti nei locali del Liceo Severi, in occasione dei due incontri dell' openday,nei giorni 14 e 15 dicembre 2019 e 11 gennaio 2020 e in collaborazione con altre classi e con le docenti di Italiano Giulia Barbato, Luisa Cesarano ed Emilia Imperatore. I libri, provenienti da donazioni di privati, alunni, docenti,amici del nostro liceo e di generi diversi, sono stati raccolti e sistemati in cassette di legno dipinte in vari colori,su ognuna delle quali gli alunni hanno fissato cartoncini colorati con frasi riguardanti la lettura. Queste cassette sono state sistemate,oltre che nella aula della classe 3H, in vari punti della scuola e il gruppo si propone,a breve,di trovare uno spazio in cui collocarle tutte,in modo da creare un punto stabile dedicato allo scambio dei libri e alla promozione della lettura al Severi. I libri raccolti nelle cassette, inoltre, contengono un segnalibro creato dai ragazzi con l’indicazione di un QRcode e di un sito attraverso il quale, oltre alle notizie sul nostro liceo e sul gruppo Una città che legge,sia possibile informarsi sugli altri locali di Castellammare in cui si effettua attività di bookcrossing.Il codice ed il sito sono opera di un alunno della 3H,che ha messo in pratica, coadiuvato dai compagni di classe,le conoscenze apprese durante le lezioni di Informatica del prof.Daniele Castaldo. Come

la nostra Dirigente, dott.ssa Elena Cavaliere ha commentato:” Camminare per i corridoi della scuola e trovarsi in mezzo a cassette colme di libri offre un’emozione unica!”

A questo proposito,e’ in programma, per domenica 9 febbraio 2020,alle ore 11,00, un incontro di bookmob, uno scambio di libri personalizzato,una sorta di “cerchio della lettura”, organizzato dalla 3H con la collaborazione di altri membri del gruppo FB, presso il Bar D’Amato, a via Cosenza 23/b,un locale che da anni promuove l’attività di bookcrossing sul territorio stabiese.

Riguardo ad altre attività,la classe ha partecipato a varie presentazioni al di fuori della scuola, di scrittori e scrittrici,presso la libreria Mondadori o altri spazi cittadini e ne ha recensito i libri sul gruppo Facebook,corredandole di foto e commenti.

Inoltre, in collaborazione con altre classi, gli alunni stanno preparando due incontri letterari presso il nostro Auditorium: con Chiara Francini, autrice del romanzo Un anno felice, e con Pino Imperatore, autore di Con tanto affetto ti ammazzerò. Con quest'ultimo scrittore, a novembre,gli alunni della 3H e della 2F.con le docenti Tiziana Esposito e Cinzia Vanacore, hanno vissuto l'esperienza di visitare i luoghi del suo romanzo precedente,Aglio,olio ed assassino, a Mergellina, avendo proprio lui come guida d’eccezione.

L’aula della 3H si è colorata di frasi sul tema dei libri, poiche’ gli alunni hanno realizzato cartelloni con i loro pensieri sull’argomento,disegni,poesie e così via. Uno di questi disegni e’ stato utilizzato come immagine del gruppo FB.

Ancora,gli studenti cercano di coinvolgere nel piacere della lettura anche altri alunni,recandosi periodicamente nelle classi dei ragazzi più piccoli, consigliando loro libri da leggere,spronandoli alla lettura e animando dibattiti. E’ in cantiere la possibilità di esportare questa promozione alla lettura anche presso le classi delle scuole medie, previo accordo formalizzato tra i Dirigenti scolastici.

Tutte queste attività, e anche altre,sono state pubblicate sul gruppo attraverso post e fotografie, quindi vi invitiamo a visitare il gruppo per conoscerci meglio e, magari, per decidere di farne parte.

Come sostiene uno dei 28 “paladini della lettura “della 3H: “Grazie alla nostra esperienza possiamo dire che la lettura è un virus benigno. Una cura per la solitudine!”

Torna all'inizio del contenuto