e-mail: NAPS110002@istruzione.it    tel: 0818717605

Visite: 46

Il 7 febbraio 2020 si è svolta, nel nostro Auditorium, una lezione d'orientamento, destinata alle classi del triennio, che non ha visto sul palco professori universitari, rappresentanti di aziende o di forze armate,ma ha rappresentato una novità importante.

Un'idea originale,quella di aprire un dialogo tra studenti liceali e una studentessa diplomatasi nello stesso istituto, di pochi anni più grande, per parlare della storia e del futuro della nostra città.

Maria Ida Sorrentino, ex alunna di questo Liceo,si è laureata nel Corso di Laurea Magistrale in Studi internazionali presso il Dipartimento di Scienze umane e sociali dell'Università degli studi di Napoli L'Orientale.

La sua tesi in Geografia delle Relazioni internazionali si intitola "Trasformazioni urbane, turismo e connessioni culturali :il caso di Castellammare di Stabia " ed è stata premiata alla Camera dei deputati e dal Comune di Castellammare,come eccellenza stabiese.

Maria Ida ha raccontato alle classi presenti la sua esperienza di studentessa liceale al Severi e il suo percorso universitario e poi si è fermata ad illustrare i contenuti del suo lavoro, attraverso un confronto interessante e stimolante con l'assessore all'urbanistica del Comune di Castellammare,ing.Fulvio Calì.

Erano presenti all'incontro la Dirigente del Severi dott.ssa Elena Cavaliere, la prof.dsa Carmela Balsamo, responsabile dell'orientamento e la prof.ssa Diana Carosella, in qualità di assessore alla scuola del Comune di Castellammare di Stabia.

Importanti e di grande suggestione le parole che la stessa Maria Ida ha scelto per concludere il suo lavoro, che è, insieme, un contributo tecnico importante allo sviluppo della nostra città ma anche un atto d'amore:" Per noi che siamo così fortunati da poter sentire ogni giorno il rumore del mare,a camminare tra la storia e vedere sui muri dichiarazioni d'amore affrescate e non semplici graffiti,per noi che non riusciamo ad essere grati ad una terra benedetta che tanto dona,pur continuando a non ricevere nulla in cambio...questa terra,questa città, meritano di essere amate...piccoli gesti quotidiani possono davvero fare la differenza...le cose non miglioreranno oggi, forse nemmeno domani, perché le cose non accadono di punto in bianco ma durante e,dunque, se è vero che il cambiamento e la vittoria altro non sono che la somma di innumerevoli fallimenti, forse siamo finalmente sulla giusta strada".

Torna all'inizio del contenuto